Dicono di noi
Nel corso degli anni, in oltre sessantanni di attività siamo comparsi sulle più prestigiose e interessanti guide enogastronomiche italiane. Vi mostriamo cosa dicono di noi, i loro giudizi e le indicazioni relative ai nostri piatti, menù...
Osterie d'Italia
osterie italiaNel 1875 Mario Ortolani, garibaldino, fonda la locanda dotata di stallaggio e fienile. Nel 1939 la famiglia Vaudano rileva l'attività che, poi ampliata, vede oggi Bartolomeo (Lino) affiancato dai figli Francesco e Chiara in sala, dalla nuora Elisabetta e dal genero Luca in cucina, con la preziosa consulenza della novantenne nonna Matilde. Nelle sale si respira l'atmosfera del secolo scorso: soffitto a cassettoni in gesso, monumentale stufa di Castellamonte, foto d'epoca e tende di pizzo [...]






La Gola in Tasca
la gola in tasca Ambiente antico e suggestivo. Ingresso adibito a bar di paese, poi le scale e le sale ristorante al primo piano: caminetti, travi, cotto, pizzi, vecchio Piemonte, insomma. Buona la cucina, piemontese naturalmente. Conto sui 30 euro.

Ristoranti d'Italia - L'Espresso
trattorie d'italiaIn una casa di origine medievale, tre calde sale in stile liberty dove si può gustare una cucina piemontese autentica. Il menu è recitato a voce, pane e paste fresche vengono ancora dalle mani della nonna novantenne e anche i prosciutti e i salumi sono di produzion propria. Selezionata lista dei vini e conto sui 30 euro.

Il Golosario di Paolo Massobrio
trattorie d'italiaQuando siamo venuti nevicava forte, ma nonostante il disagio nessuna delle prenotazioni quella sera ha avuto la disdetta. E neanche noi, coccolati dalla simpatia di una famiglia intera, che ha la passione per il vino di Cisterna e per le mostarde che rivendono nel bar all'ingresso. Il menu qui ha citazioni di una certa originalità, mentre la carta dei vini vi farà scoprire il livello raggiunto dal vino rosso del paese, frutto di uve bonarda. Accettate, come entrèe, il loro salame crudo alle ceneri, prima di assaggiare jambone arrosto con salsina all'erbete e l'insalata russa(grande!). Ma attenzione: le acciughe con salsa alloro saranno addirittura radiose, mentre le uova in camicia con fonduta di Blue del Moncenisio e Raschera vi faranno sfregare le mani. Che belle proposte! Di primo sono semplici gli agnolotti fatti in casa con burro e salvia; un pò deboli i tagliolini al Cisterna; meglio quelli al sugo d'anatra. ghiotto il fritto misto alla piemontese, un pò liquida la trippa in umido, piacevole in coniglio speziato al forno. C'è anche la degustazione di formaggi di cui una parte di produzione propria e poi il gelato fatto in casa con mostarda d'uva. Da manuale in bonet al cioccolato fondente, accanto alla torta di mele all'antica maniera, torta di pere e panna cotta. La spesa è uno scherzo.
Paolo Massobrio

Trattorie d'Italia - Touring Club
trattorie d'italiaOspitato in un casale ottocentesco garbatamente restaurato, questo accogliente ristorante albergo è disposto du due piani, quattro sale da pranzo con arredi d'epoca che contribuiscono a creare un'atmosfera rilassante e d'altri tempi. La gestione è familiare, la cucina propone gusti tradizionali piemontesi con attenzione al volgere delle stagioni. Si comincia con salumi tipici, robioline alla monferrina, jambone arrosto con salsina alle erbette, e si prosegue con agnolotti, tagliolini di casa alle erbe o insaporiti con vino di Cisterna d'Asti nell'impasto. Nel capitolo pietanze primeggia il sontuoso fritto misto alla Piemontese, accanto al brasato alla Bonarda, all'agnello al civet o agli altri piatti, secondo stagione. Tra i dolci della casa, notevoli la classica torta di nocciole servita con cioccolata calda e il gelato con mostarda di uva fragola. Dalla cantina: selezione di vini monferrini e regionali e bella varietà di grappe piemontesi.

Il Mangiarozzo
il mangiarozzoRistorante albergo dalla cucina tradizionalmente piemontese con qualche nota creativa che proprio non guasta. A gestirlo lo chef patron Bartolomeo Vaudano che segue la filosofia gastronomica della stagionalità e della tipicità. Subito vi segnaliamo una cosa importante:la pasta, il pane, i grissini e anche i prosciutti e i salami sono tutti fatti in casa. Le specialità che nel corso dell'anno potrete trovare vanno dal jambone arrosto (prosciutto arrosto fatto in casa) con salsina alle erbette, agli agnolotti o ai tagliolini impastati con il Cisterna d'Asti, dal mitico fritto misto alla piemontese o dalla classica finanziera al gelato con mostarda di uva fragola o alla torta di mele tradizionale cn le spezie. Nel bicchiere solo il Piemonte con circa 130 etichette. Buon rapporto qualità/prezzo.


Guida Michelin
michelinC'è tutta la storia di una famiglia nella raccolta di oggetti d'epoca di uso comune (dalle pentole alle fotografie) esposta in questo originale locale; cucina piemontese.









Alberghi e Ristoranti d'Italia - Touring Club
trattorie d'italiaTra mura ottocentesche di un casolare restaurato, una cucina di territorio in cui primeggiano: tagliolini al Cisterna d'Asti, fritto misto, bunet e gelato con mostarda di uva fragola; buona selezione di vini piemontesi e grappe locali.







Le Trattorie della guida michelin
trattorie d'italiaTutto ebbe inizio nel 1878, quando l'indirizzo identificava una piccola locanda, sotto l'insegna Albergo Italia. In seguitò mutò il nome per ricordare una tra le maggiorni figure del risorgimento italiano. Da allora, una raccolta di oggetti d'epoca appartenuti alla famiglia testimonia lo scorrere del tempo e le tappe più significative della sua storia. Sulle tracce della tradizione anche il ristorante dell'albergo. Quattro salette avvolte dalla simpatia e dal calore dei proprietari, la più piccola delle quali ospità un fornello, nelle quali gustare i piatti tipici piemontesi.